domenica 15 gennaio 2017

SERIE TV: COSA GUARDARE? CONSIGLI




In questo inizio d’anno capita spesso, almeno a me, di rintanarsi a casa per rifugiarsi dal gelido Generale Inverno. Quale occasione migliore per spararsi una dopo l’altra le puntate di quella serie tv che abbiamo lasciato in sospeso o, ancora meglio,  di cominciarne una nuova?



Ecco quindi dei validi suggerimenti, o meglio quello che sta piacendo a me in questo periodo…



ONCE UPON A TIME



Ho già parlato delle prime quattro stagioni in un altro post, ma dopo aver visto la 5° ed accingermi a vedere la 6° non posso esimermi dal citarla nuovamente!

Emma Swan & company non smettono di stupire, tra effetti speciali, intrecci di personaggi  disney (e non) le puntate si consumano tutte d’un fiato.








UNA MAMMA PER AMICA – DI NUOVO INSIEME



Erano passati ormai anni dall’ultimo episodio di questa serie, non immaginavo che avrei dovuto aspettare tanto per rivedere le ragazze Gilmore e per di più in soli quattro episodi.

Approfittando delle vacanze di Natale mi sono fiondata a vederli, non posso negare il misto di nostalgia e felicità; è stato come rivedere un amico che non vedi da tanto.

Peccato che l’attesa ha caricato, inevitabilmente, di aspettative che non sono state  soddisfatte totalmente. Bello, ma si poteva fare di più; spero sia una sorta di antipasto per una serie nuova di zecca.





ROCCO SCHIAVONE



Una delle serie più belle che abbia visto: c’è il giallo, storie personali, intrecci sentimentali, momenti esilaranti e, ciliegina sulla torta, uno sfondo ed una colonna sonora che catturano subito. Un noir di tutto rispetto!






CHE DIO CI AIUTI 4



Beh, come fare a non citare la suora più figa della tv dopo Whoopi? Nuova stagione, nuove ragazze, nuove follie e nuovi problemi da affrontare; sullo sfondo una bellissima Fabriano.






I BASTARDI DI PIZZOFALCONE



Avendo già letto (ed amato) le avventure del Commissario Ricciardi, non potevo farmi sfuggire la saga de I Bastardi di Pizzofalcone. I primi due episodi promettono bene, dietro al classico giallo da risolvere ci sono i “lati oscuri” da decifrare, comprendere e perché no amare.



 



Nessun commento:

Posta un commento